Gropello Cairoli PV
Villa CairoliLa Villa Cairoli
Gropello Cairoli PV
CastelloIl Castello medioevale
Gropello Cairoli PV
San GiorgioLa Chiesa di San Giorgio
Gropello Cairoli PV
Cappella San SebastianoLa cappella di S.Sebastiano
Zerbolò PV
risaiaRisaia
Zerbolò PV
TicinoIl Ticino
Garlasco
OntaniOntani al Bosco del Vignolo

 
Chi e dove siamo
Il Circolo "Terre d'acqua" ha sede in Gropello Cairoli PV


Visualizzazione ingrandita della mappa

Come utilizzare la cartina a fianco:
  • Per nascondere il fumetto cliccare sulla X in alto a destra
  • Per aumentare lo zoom premere +
  • Per diminuire lo zoom premere -
  • Per spostarsi sulla mappa cliccare in un punto interno alla mappa e tenendo premuto il tasto sinistro spostarsi.
  • Per vedere il dettaglio e per ottenere indicazioni stradali sul percorso cliccare sul simbolino rosso.
  • Cliccando sul testo azzurro "Visualizzazione ingrandita della mappa" si apre una nuova scheda di Google Maps a tutta pagina in cui si possono fare tutte le operazioni in scala maggiore.

COME NASCE UN CIRCOLO Quando a fine del 2007 esplode la questione dell'autostrada Broni-Mortara in più realtà si mobilitano cittadini sensibili allo sviluppo del territorio e alla sua tutela. Il forte e improvviso impegno ha coadiuvato un gruppo che si è affiatato e col tempo ha continuato a incontrarsi prendendo coscienza di come le criticità sul territorio siano numerose e difficili.
Da qui è nato il primo gruppo che ha poi dato origine al circolo LEGAMBIENTE "Terre d'acqua".
Abbiamo iscritti ad Alagna, Garlasco, Zerbolò, Motta Visconti, S.Martino Siccomario, Dorno, Torre d'Isola, Cava Manara, Carbonara Ticino, Gropello Cairoli; copriamo un territorio ampio dove svolgiamo il ruolo di sentinelle. Oltre a vigilare, denunciare e proporre soluzioni, la nostra attività spazia dai PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO ( il nuovo piano regolatore), alla viabilità, alla logistica, disordinata e impattante, alle aziende a rischio, al traffico e all'inquinamento dell'aria, all'educazione ambientale, al Parco del Ticino. Con le diverse Amministrazioni Comunali è nato un dialogo proficuo ma complesso, dove le questioni legate allo sviluppo si intrecciano con vecchie culture politiche che faticano a recepire le logiche della sostenibilità. Dall'altro lato non mancano attenzioni e sensibilità che producono risultati importanti soprattutto nel campo dell'educazione ambientale. Le campagne nazionali sono un momento alto di mobilitazione dove comunichiamo, attraverso le iniziative, il nostro pensiero sullo sviluppo e i modelli di vita possibili nell'era della globalizzazione. Un messaggio di legame con il territorio e le sue identità, la riscoperta del locale e dei valori di vita che esprime. Senza dimenticare di vivere in un mondo interdipendente e accomunato dagli stessi problemi: l'energia, la desertificazione, i cambiamenti climatici, il cibo, l'acqua, il buco nell'ozono. "Pensare globalmente agire localmente", dice un nostro vecchio slogan.
Da noi significa guardare alla terra del riso, alla cultura agricola che la contraddistingue. Il riso coltivato in terre d'acqua appunto, come dice il nostro nome. Vogliamo difendere un'identità che è lavoro ed economia. Centinaia di aziende agricole intente a produrre una coltura tra le più pregiate al mondo. Basti sapere quanto il nostro riso sia apprezzato anche in Cina, terra lontana, che di riso se ne intende.
Da "PICCOLA GRANDE ITALIA", dedicata ai piccoli Comuni, a MALARIA sul traffico e la qualità dell'aria, siamo impegnati nella difesa della salute pubblica e la qualità della vita.
Infine PULIAMO IL MONDO. E' l'edizione italiana di Clean Up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo. Dal 1993 Legambiente ha assunto il ruolo di comitato organizzatore in Italia ed è presente su tutto il territorio nazionale grazie all'instancabile lavoro di oltre 1000 gruppi di "volontari dell'ambiente", che organizzano l'iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, comitati e amministrazioni cittadine.
Una campagna di pulizia che comunica la necessità e la voglia di riappropriarsi del proprio territorio prendendosene cura, che segna il bisogno della gente di mettersi in relazione per tutelare gli spazi pubblici, prendendo coscienza che oltre a ripulire, si dovrebbe imparare a non sporcare.
Puliamo il Mondo è anche l'occasione per mettere sotto la lente d'ingrandimento i problemi legati al degrado ambientale e per costruire insieme nuove soluzioni per il nostro futuro. Infine è per noi quasi un dovere guardare al PARCO DEL TICINO: il più grande e importante parco regionale lombardo, l'ultimo corridoio verde rimasto a fauna e migratori tra le alpi e gli appennini.
96.000 ettari in totale, 22.000 di boschi e riserve. Un patrimonio inestimabile di biodiversità.

Il Circolo conta oggi quasi 50 iscritti, una mole di lavoro svolto immensa, grandi progetti per il futuro e tanta voglia di fare.

Legambiente non gestisce più il Centro Cicogna bianca presso la Cascina Venara poiché il sindaco di Zerbolò non ha rinnovato la convenzione allo scopo di trasformare la cascina in ostello.
Manchi tu ti aspettiamo.