cicogna
Mappa del sito        

Circolo "Terre d'Acqua"

Circolo di cintura della
provincia di Pavia
sede amministrativa:
Via Tazio Nuvolari, 17
27027 Gropello Cairoli PV
mail: info@terreedacqua.org
Codice Circolo: 1825
Attività sul territorio:
Piano di Governo del Territorio (11/07 - 04/08)
Sul territorio del Circolo, oltre ai problemi che si presentano o che i cittadini ci sottopongono, negli ultimi mesi ci occupiamo in particolare di Piano di Governo del Territorio (PGT), il nuovo strumento urbanistico (ex Piano Regolatore Generale) che tutti i Comuni della Lombardia devono predisporre in base alla legge regionale 12 del 2005..
Nella relazione che segue, riassumiamo gli incontri a cui abbiamo partecipato, che comprendono sia comuni del Circolo Terre d'Acqua che di altri circoli.
La relazione non riporta tutti gli scritti che abbiamo inviato o i documenti che abbiamo raccolto, ma solo quelli più significativi, quindi se qualche socio è interessato ad approfondire la situazione di un comune in particolare, basta che invii una mail al seguente indirizzo di posta elettronica.
Agli allegati citati si può arrivare cliccando direttamente sul numero dell'allegato. Vista la lunghezza del testo la pagina è stata divisa in due:
  1. Marcignago - 29 novembre 2007, ore 21: si tratta di una riunione di avvio della procedura e di incontro con le parti sociali. Il sindaco afferma che l'idea dell'amministrazione è quella di fare un percorso rispettoso del territorio, valorizzando ambiti ed attività. Per il centro storico è necessario andare incontro alle esigenze di chi vi abita, giusto equilibrio per le attività commerciali, no a logistiche, ma qualche potenziamento delle aree produttive, che negli ultimi anni si sono sviluppate. Il tecnico incaricato illustra le procedure ed i contenuti del PGT in base alla lr 12/05. Interviene un agricoltore che sottolinea da un lato il fatto che l'isolamento del paese è stata la sua fortuna e dall'altro che condivide l'idea delle salvaguardie di determinati ambiti. La proprietaria di una ditta in zona industriale segnala qualche problema di viabilità. Il sindaco risponde che per la SP 174 è previsto nel 2008 l'allargamento di tutto il tratto, mentre per la zona industriale si potrebbe ipotizzare un nuovo collegamento che eviti gli innesti sulla provinciale, altro punto critico è la località 3 Ponti, in comune di Pavia. In risposta al nostro intervento, il Sindaco si dichiara disponibile a collaborare.
  2. Pieve Porto Morone - 18 gennaio 2008, ore 10: poiché non si tratta della prima riunione, si decide di passare agli interventi senza illustrare la documentazione inviata. Intervengono la Soprintendenza che chiede un esame preventivo delle modalità d'intervento su centro e nuclei storici e cascine, l'Arpa che segnala la mancanza di dati relativi agli indicatori. Noi interveniamo seguendo una scaletta che poi viene trasformata nella nota inviata in data 4 febbraio 2008 (vedi allegato 1)
  3. Pieve Albignola - 23 gennaio, ore 10: il procedimento è stato avviato nel giugno del 2006 e l'Amministrazione conta entro fine anno di adottare il piano. Gli obiettivi: - politiche territoriali finalizzate allo sviluppo sostenibile, - necessità di collegamenti tra la viabilità esistente, - rendere edificabili le aree a ridosso della ferrovia, - definizione nuovo casello autostradale sull'A7, in alternativa tangenziale nella parte bassa dell'abitato. Nel 2005 è stata riaperta la scuola primaria con 15 alunni, oggi sono 44 e nel prossimo anno probabilmente si supereranno i 50. Esiste il problema della sottostazione elettrica da mitigare paesisticamente. Nella zona artigianale ad ovest sarà realizzata la piazzola ecolo gica. Previsione di attività terziarie in prossimità del casello autostradale o della tangenziale. Possibilità di centrale da pochi Mw a biocarburanti. Attività agricole da ricollocare. Previsione di Parco Locale d'Interesse Sovracomunale (PLIS) sul Po, da Pieve del Cairo a Mezzana Rabattone. Il nostro intervento ha riguardato la necessità della pubblicazione degli atti su un sito inter net, i tempi che devono tener conto della partecipazione, poi prendendo spunti dall'intervento del sindaco sono stati toccati sia i temi dell'impianto di etanolo a Zinasco che dell'autostrada.
  4. Castelnovetto - 29 gennaio ore 11: questa è la prima di una serie di riunioni in cui siamo stati convocati praticamente solo per dare avvio ufficial mente al percorso di vas. Sono state organizzate tutte da uno stesso tecnico, che ha ricevuto l'incarico dai comuni, ma che probabilmente non ha ben valutato le procedure, infatti alla nostra (Legambiente, Arpa, Asl) richiesta di avere almeno una prima analisi, non avendo risposte, abbiamo convenuto che se le cose stavano così, era inutile che partecipassimo alle altre fintanto che non c'era la documentazione. Comunque poi sono tate scambiate alcune opinioni ed ho portato il discorso sull'autostrada ed anche qui è stata condivisa la priorità di sistemare le strade, prima di parlare di autostrada.
  5. Cozzo - 29 gennaio ore 15,30: questa è una delle riunioni convocata con le modalità di cui sopra e quindi non abbiamo partecipato, ma abbiamo saputo che si è esaurita nel giro di pochi minuti.
  6. Langosco - 30 gennaio ore 15,30: altra riunione come quelle sopra, ma in questo caso il tecnico ha domandato quali vincoli nascevano per il comune dalla delibera regionale sulla salvaguardia del tracciato di autostrdada, praticamente un invito a nozze e dopo il nostro intervento, il sindaco, che stava poco prima, pennello alla mano, siste mando le scale del comune, ha espresso un'opinione non certo favorevole all'autostrada, proponendo addirittura un'alternativa di potenziamento della viabilità esistente per il collegamento con il Piemonte.
  7. Nicorvo - 31 gennaio ore 15,30: a questa riunione ha partecipato Gianfranco Berardinello, trattandosi del suo comune di residenza, la riunione è andata come le altre di cui sopra, ma sono emerse ulteriori carenze, ad esempio i progettisti non erano informati dell'esistenza di un'area ambientale di una certa importanza, l'Agogna morta.
  8. Robbio - 1 febbraio ore 10: la vicenda qui è molto complessa, doveva essere la riunione conclusiva della valutazione, ma già in seguito ad una nostra telefonata, che lamentava la non convocazione, era stata trasformata in "propedeutica".e la documentazione ci era stata portata a domicilio...Poi la gestione, sia politica, che amministra tiva e tecnica credo abbia scompigliato parecchio le carte e probabilmente si comincerà da capo. E' stata comunque la più interessante, anche per la presenza di due consiglieri di minoranza abba stanza combattivi. Comunque i pareri di Arpa e Provincia hanno contribuito notevolmente, con il nostro intervento a far capire agli amministratori che gli elaborati presentati e la procedura seguita avevano seri problemi. Per fare un paio di esempi, il rapporto ambientale dichiarava che non c'erano dati sull'aria, gli abbiamo fatto presente un dato che nemmeno l'arpa aveva sollevato e cioè che su richiesta del comune, tra il 15.11.03 e il 10.12.03, la centralina mobile dell'arpa aveva eseguito i rilevamenti i cui dati si possono trovare sul sito internet dell'agenzia. Oppure che avevano previsto indicatori da verificare ogni dieci anni, quando il documento di piano ha validità di 5...Oppure ancora che essendo loro a confine con la regione Piemonte, occorreva invitare i comuni confinanti di quella regione..Sul sito sono disponibili i documenti presentati.
  9. Palestro - 6 febbraio ore 10 : questa è una delle solite riunioni in cui il tecnico ci ha convocato, per raccontarci in due parole cosa farà, per cui dopo mezz'ora è finito tutto. C'era però presente un rappresentante del comune di Vercelli, in quanto confinante e quindi, come avevamo fatto presente nelle precedenti riunioni, da invitare. Questo signore ha semplicemente fatto presente che sul loro territorio, a confine, esiste un'area di natura 2000 e quindi gradirebbero che dall'altra parte del confine, vi fosse la stesa sensibi lità. Poiché ha aggiunto che avevano appena adottato il PRG (la loro legge regionale è diversa), abbiamo chiesto, visto che nell'incontro tra la Provincia di Pavia e quella di Vercelli era stato proposto di spostare l'autostrada da Stroppiana alla tangenziale di Vercelli, cosa avevano previsto nel loro PRG. E.. udite, udite, la risposta è stata... assolutamente nulla.., nessuna autostra da, nessuna fascia di rispetto. Una piccola buona notizia che ci ha ripagato di una riunione inutile. Da notare che sul sito del Comune , ci sono i documenti del PGT di Confienza.
  10. Ceretto Lomellina - ore 12 : poiché era una riunione fotocopia di quella delle 10 e non c'erano comuni piemontesi confinanti, che potevano dire qualcosa d'interessante, non siamo andati.
  11. Casei Gerola - 7 febbraio ore 10: questa non era una riunione per la Vas, ma per un SUAP cioè Sportello Unico per le Attività Produttive, ma lo abbiamo trasformato in riunione per la Vas.. L'intervento riguardava una variante di PRG con appunto SUAP, a fianco del centro commerciale Galassia, sulla strada tra Casei e Voghera, l'area interessata è naturalmente agricola ed ha una superficie di 70.000 mq. ch dovrebbe essere destinata a stoccaggio autovetture (1.800). Senza descrivere oltre il tutto, la sintesi è che a fronte del nostro intervento (anche se non invitati, ma come associazione portatrice di interessi diffusi non potevano non farci parlare), si è deciso di rinviare il tutto, perché non è stata nemmeno iniziata la procedura Vas..Questo è importante in sé, perché abbiamo anche avuto modo di ricordare al comune che ha un'area di 500.000 mq. destinata ad industria, di cui 200.000 occupati dallo zuccherificio da riconvertire e il resto vuota, quindi consumare altro terreno, non sembra molto sostenibile, ma importante soprattutto perché è stato il primo caso di sportello unico sottoposto a Vas e questo costituisce un precedente, molto importante, che sfrutteremo fino in fondo.
  12. San Martino Siccomario - 12 febbraio ore 10: da notare subito che il Comune ha fatto tre o quattro di queste riunioni nell'arco di un paio di giorni. Introduce il sindaco affermando che il Comune nel fare il PGT ha delle grosse ambizioni, nell'interesse dell'intero territorio ed intende lavorare per il futuro dei cittadini. il progettista fa presente che questo è un incontro di apertura del dialogo, che tende ad arrivare ad una trasformazione sostenibile del territorio. Saranno introdotti anche un piano ecologico ed uno paesistico. Una nota particolare: il tecnico che ha presentato la VAS, ha affermato che per la VAS e le compensazioni dell'autostrada ci penseranno Regione e Provincia, abbiamo allora fatto presente che ogni tipologia di piano ha la sua VAS e deve prendere in considerazione le ricadute sul territorio di cui si occupa ed il sindaco si è detto d'accordo con noi. Il sito del Comune è in "costruzione", ad oggi 3 settembre non vi è alcun documento su VAS e PGT.
  13. Casteggio - 15 febbrai ore 21: non abbiamo partecipato per l'impegno di "Mal'aria" a Parona.. Alla quella data data il sito del PGT risultava in costruzione: e in data 10/4/08 il sito del PGT, pur pubblicizzato, non era raggiungibile, da una telefonata all' ufficio competente è risultato che avevano già segnalato la disfunzione all'amministratore del sistema.
  14. Marcignago - 22 febbraio ore 10,30: relazione che grosso modo ricalca, nei contenuti metodologici, quella del 18 gennaio di Pieve Porto Morone. Sul sito vi sono i documenti presentati:
  15. Pavia - 11 marzo ore 18,00: l'assessore apre la riunione comunicando che la stessa inizia il processo partecipativo della VAS del PGT, il documento che viene presentato "le linee guida" aggiornano gli obiettivi del PRG, gli assi principali su cui si fondano sono 4: - i temi dello sviluppo sostenibile; - il rafforzamento delle funzioni eccel lenti; - il potenziamento e la riqualificazione dei sistemi dei servizi (anche attraverso la perequazione); - la casa "sociale". Il documento è stato oggetto di una condivisione di massima dalla maggioranza, ma non ancora in modo formale. Interveniamo facendo presente che i relatori si sono richiamati spesso alla pianificazione urbanistica, che però è un aspetto che la lr 12 vuole supera re arrivando alla governo del territorio, questione molto più ampia e complessa, anche perché integra gli aspetti ambientali e socio economici nel processo di formazione dl piano. Si precisa che le aree dismesse non possono certo essere i soli aspetti strategici, ma che per noi le aree dismesse sono strategiche e devono essere integrate nel PGT a tutti i livelli. Infine si auspica che le riunioni o le conferenze di valutazione, data l'importanza del capoluogo e del tema, siano quelle necessarie a favorire un'ampia partecipazione.
  16. Santa Maria della Versa, con Canevino, Golferenzo, Montecalvo Versiggia, Volpara - 17 marzo ore 11,00: la convenzione tra i comuni (2006) prevede che il quadro conoscitivo sia comune, così come il piano dei servizi, il documento di piano e il piano delle regole sarà invece specifico per ogni ente. L'impressione è che i lavori siano ancora molto indietro, praticamente non ci sono stati interventi oltre il nostro. Gli atti saranno pubblicati sul sito.
  17. Borgo San Siro - 18 marzo ore 16,30: anche qui, come in altri comuni non eravamo stati invitati, ma gli ottimi contatti con altri soggetti partecipan ti ci consentono di essere sempre aggiornati e quindi di esserci dopo opportuni interventi sul comune. Buona presentazione del lavoro preparatorio per la Vas e per il piano, dalle proposte presen tate non sembra vi siano, per ora, criticità da evidenziare. Il documento di scoping è sul sito.
  18. Pavia - 28 marzo ore 9,30: prima di iniziare ho chiesto se il Comune riteneva che il documento "Linee d'indirizzo per il PGT" fosse da considerare come documento di scoping. La risposta è stata no, allora nel nostro intervento abbiamo precisato che, avendo appunto appreso che le Linee d'indirizzo non sono il documento di scoping, ci aspetti amo un'altra riunione dove venga presentato il documento di scoping e che in tal caso alcune delle preoccupazioni contenute in uno dei due documenti che presentavamo (quello sul processo di parte cipazione, l'altro riguardava il progetto per lo sviluppo sostenibile del territorio pavese), potevano essere superate, abbiamo poi accennato molto brevemente ad alcuni contenuti, come il ruolo della ferrovia e delle are dismesse, oltre a presentare l'altro nostro documento. Zorzoli è poi intervenuto ancora sulla necessità di ampliare il processo di partecipazione. E' stato predisposto un apposito sito: , con un forum online: che si raggiun ge direttamente (dopo una nostra segnalazione sulle difficoltà logistiche) cliccando su "Partecipiamo con E21" (seconda voce della pagina della VAS) che si trova al seguente indirizzo internet.
  19. Genzone - 7 aprile ore 10,30: riunione fatta appositamente per recuperare la mancata convocazione di alcuni soggetti come noi che non erano stati invi tati alla precedente del 17/3. Essendo in poche persone, si è riusciti ad instaurare un positivo dialogo. Da notare che per favorire la partecipazione, l'amministrazione ha distribuito un questio nario che in parte comprendeva anche questioni legate ai temi del governo del territorio. La documentazione è sul sito internet
  20. Magherno, Filighera e Vistarino - 8 aprile ore 10: anche qui convenzione tra gli enti per elaborare il quadro conoscitivo e probabilmente il piano dei servizi in comune, ciascuno avrà invece il proprio documento di piano e piano delle regole. Solita presentazione della parte urbanistica, mentre nella parte della Vas vi sono stati aspetti nuovi trattati da NQA, in particolare la ricomposizione della frammentazione dei corridoi ecologici. Presenti diversi amministratori dei comuni interessati e limitrofi, ma non un intervento. Parte della documentazione è sui siti dei comuni: Magherno, Vistarino, Filighera.
  21. Bornasco - 9 aprile ore 10,30: altra riunione dopo quella dello scorso anno, in cui viene fatta una relazione solo urbanistica e con reazioni abbastan za stizzite alle osservazioni ad esempio dell'Arpa formulate in modo corretto. La documentazione dovrebbe essere depositata sul sito.
  22. Pieve Porto Morone - 11 aprile ore 10:finalmente si può discutere di indicatori e dati, non sono molti, ma è la prima volta e quindi è stato raggiunto un bel risultato, si potrebbe fare di più, in particolare sull'area commerciale, ma sarà possibile intervenire in sede di osservazioni, se lo si riterrà opportuno. Intanto hanno attivato anche il sito internet, dove hanno pubblicato la documentazione.
  23. Portalbera - 18 aprile ore 10,30: solita presentazione del tecnico, tra le altre cose dice che non vi sono né Sic né Zps, contrariamente a quanto ci risulta ed allora lo facciamo presente, grandi ringraziamenti.., ma siamo alle solite, i temi ambientali non sono all'attenzione della riunione come dovrebbero: vedi il sito
  24. San Genesio - 22 aprile ore 9,30: anche qui come a Bressana, avevano adottato un PII senza iniziare la procedura Vas, abbiamo scritto (vedi allegato 2) , ci hanno convocato in conferenza e dopo un breve confronto hanno stilato un verbale che per le ragioni da noi evidenziate non si dava ulteriore corso alla conferenza, in pratica ricominciavano da capo. Sito internet.
  25. Sannazzaro - 22 aprile ore 12: ci viene consegnato un documento, che è in pratica lo stesso di Albuzzano, dove ritroviamo anche alcune parti su cui avevamo già fatto osservazioni.è difficile far cambiare le abitudini. Sottolineiamo la necessità della partecipazione e formuliamo alcune osservazioni, facendo presente in particolare i contenuti che dovrebbe avere il documento di scoping (quello da presentare nella prima conferenza Vas).
    Visto però che dire le cose ad Albuzzano non era servito, inviamo la lettera allegato 3, che alla data odierna (3_6_08) non è ancora riportata sul sito.
  26. Borgarello - 22 aprile ore 15: riunione in cui in pratica ci presentano le loro proposte di ambiti di trasformazione, tra cui naturalmente anche il centro commerciale, su cui il sindaco dice di aver cambiato idea dopo approfonditi studi. polemica del Sindaco con comune di Pv per la mancata concertazione sui temi sovra comunali; noi facciamo presente che la procedura non è questa e che nella prima conferenza occorre un documento di scoping, che non è quello presentato. Interviene anche l'ex sindaco Rovelli, polemizzando perché la Regione vorrebbe vincolare l'area destinata a centro commerciale, limitando così l'autonomia del comune..il giorno dopo inviamo una lettera simile a quella dell'allegato 3, sul sito al 3_6_08 non c'era ancora nulla.
  27. Bressana Bottarone 24 aprile ore 10: conferenza di servizi per lo sportello unico della famosa logistica, in ampliamento dell'esistente per circa 300.000 mq. Grande partecipazione, sia di comitati che di comuni (ricordo Cava Manara, Castelletto, Pinarolo, Verrua, Casatisma, Bastida, Filt CGIL, UIL), dall'altra parte tecnici ed avvocati.. Ci sono stati diversi interventi mentre fuori alcuni componenti dei comitati manifestavano. Tra gli interventi ricordiamo quello della CGIL, perché ha invitato a non strumentalizzare il discorso dell'occupazione ed ha chiesto un piano industriale più preciso, poi quello del sindaco di Castelletto nettamente contrario, mentre altri comuni hanno fatto presente criticità in particolare viabilistiche. Uno dei proprietari dell'area che dovrebbe passare da agricola ad industriale, ha comunicato di aver proceduto alla liquidazione della società dell'interporto, quella che voleva realizzare il "villaggio delle merci", 1.500.000 mq. di area a logistica. Il Sindaco ha aggiunto che chiederà alla Provincia un atto politico di revoca del parere di massima favorevole al progetto del villaggio delle merci. Dopo un breve cenno sulla legittimità della partecipazione dei comitati, presentata dal sindaco come una sua scelta non prevista dalla legge, noi presentiamo alla fine un nostro documento, allegato 4. Sul sito internet potete trovare il verbale con i vari interventi e documenti presentati.
         Torna in alto         Segue: da Maggio ad Agosto 2008